martedì 27 aprile 2010

Torta Tutankhamon

Questa torta è stata fatta per festeggiare la chiusura della stagione invernale di un locale il cui stemma storico è appunto Tutankhamon.
Si tratta di un PdS di 3 strati ottenuti facendone però due da 10 uova ciascuno, mentre la farcia è costituita da uno strato di crema al caffè e uno di crema alle caramelle Rossana.
Per la crema al caffè ho preso spunto da una ricetta trovata su internet ma l'ho poi stravolta perchè, mi piace di fare di capa mia!!!
Ingredienti:
500 ml di caffè
175 di caffè
75 di amido
margarina (facoltativa)
Ho preparato il caffè e l'ho zuccherato.Poi, ne ho preso una parte e vi ho aggiunto l'amido mescolando bene per evitare grumi;ho mescolato fino a formare una salsa molto densa ed ho aggiunto il restante caffè, messo sul fuoco a fiamma bassa e fatto addensare. Una volta freddo ho aggiunto un pezzetto di burro , credo una 40ina di grammi. Ora, la ricetta originale era questa ma io ho aggiunto una parte di panna montata come faccio per tutte le creme per alleggerirle e 3 cucchiai del mio preparato di crema al caffè la cui ricetta trovate qui.
La ricetta della crema alle Rossana l'ho presa dal sito cookaround ed è la seguente:
500 ml di latte
350 gr di caramelle Rossana
4 rossi d'uovo (io 3)
3 cucchiai di farina o altro amido
Ho messo il latte sul fuoco insieme alle caramelle ed ho mescolato fino a completo scioglimento delle caramelle. A parte ho mescolato bene uova e farina e man mano vi ho aggiunto il latte ho rimesso sul fuoco ed ho fatto addensare. Anche qui, la ricetta originale sarebbe finita ma io ho aggiunto la panna montata.
La bagna è costituita da acqua, zucchero e maraschino.
 Copertura in pasta di zucchero e decorazione in PdZ colla.

domenica 18 aprile 2010

Torta per mamma appassionata di cucito

Oggi è il compleanno di Mamma Clara, la mamma del mio compagno ed ho pensato di farle una bella torta che la rispecchiasse in quelli che sono i suoi hobbies; così ho pensato ad una torta che avesse come tema il cucito, che ha rappresentato in passato una passione ma anche un lavoro, e l'enigmistica, attività alla quale si dedica ogni sera prima di andare a letto. 
Essendoci, diciamo così , 2 temi, ho pensato di fare una torta a due piani per evitare che su un unico livello vi fosse un'accozzaglia di decorazioni, messe senza un senso apparente.

Ho perciò realizzato una base rettangolare ed un piano superiore tondo; La farcia era obbligatoria perchè mamma Clara impazzisce SOLO per chantilly ( normale o al limone) con i pezzettini di fragole. Così ho optato per la mia mitica chantilly al limone che trovate qui con l'aggiunta dei pezzettini di fragole!. La bagna è analcolica data la presenza dei numerosi nipotini e consiste in acqua , zucchero ed essenza di limone. Copertura in PdZ e decorazioni sempre in PdZ.


venerdì 16 aprile 2010

Cartucce napoletane: esperimento n° 2

Eh si! Ora che ci ho preso la mano ed il gusto non riesco più a fermarmi!!! In realtà, come vi spiegavo l'altra volta, sul web ho trovato poche ricette per le cartucce ma tutte moolto diverse tra loro perciò non è possibile trovare una sintesi ma bisogna solo sperimentare.
L'esperimento n 1 è andato molto ma molto bene, ora ho voluto provare un altra ricetta che prevedeva gli stessi ingredienti con la differenza che il quantitativo di farina era maggiore; inoltre dato che non mi so stare ferma, ho pensato... e se le facessi nere ste cartucce???
SIIIIIIIIIIIIIIIIII al cacao gnam e quindi eccovi la ricetta n 2 che prevede mie varianti personali:
3 uova
200 gr zucchero
100 gr di farina di mandorle
1 fialetta di aroma alle mandorle
160 gr di burro
20 gr di burro fuso
250 gr di farina 50 gr di fecola
50 gr di cacao amaro
un pò di cioccolato grattuggiato
un pizzico di ammoniaca
Il procedimento è lo stesso che per le altre cartucce vale  a dire che mescolo farina di mandorle, ammoniaca, essenza e un uovo e lascio riposare per una mezz'oretta; lavoro burro con zucchero ed aggiungo al composto di mandorle intervallandolo con le restanti due uova; aggiungo infine il burro fuso, il ciocco grattuggiato e le farine con il cacao. Cuocio in forno a 180 ° per circa 15-20 minuti ( dipende SEMPRE dal vostro forno).Il risultato eccolo qui!

domenica 11 aprile 2010

Cartucce Napoletane esperimento n. 1

Arieccomi finalmente con una di quelle ricette da cassetto, di quelle cioè , che fanno parte di quella straordinariamente lunga lista segreta di ricette che ci ripromettiamo di fare e provare non appena se ne presenti la prima buona occasione! Questa, come dicevo, è una di quelle perchè era da un pò che impazzivo nel cercare non tanto i cilindretti per fare questi dolcetti ma soprattutto le cartucce che li rivestono!
La ricetta, come avrete già letto, è sottotitolata esperimento n. 1 perchè avendone trovate devo dire poche su internet e soprattutto tutte diverse, mi sono segnata quelle che più mi ispiravano ed ho iniziato ovviamente a mettere in pratica la 1° delle suddette ricette.
Per questa ricetta mi sono ispirata a questo sito perciò non faccio altro che riportarvela
Ingredienti:
4 uova
1 pizzico di ammoniaca per dolci
200 gr di zucchero
200 gr di farina di mandorle
160 gr di burro
20 gr di burro fuso
100 farina
50 gr di fecola
1 pizzico di sale
qualche goccia di essenza di mandorle
Mescolare la farina di mandorle con 2 uova e l'aroma di mandorla e fare riposare per un'oretta a temperatura ambiente.
Mescolare il burro con lo zucchero e l'ammoniaca, aggiungere questo composto alla farina di mandorle alternandolo con l'aggiunta delle 2 restanti uova; unire poi il burro fuso ed infine le 2 farine.
Riversare il composto in una sac a poche e riempire i pirottini utilizzando un beccuccio liscio di 1 cm ( considerate che il pirottino è alto 5 cm ed il diametro è di 2 cm e che il composto in cottura tenderà a gonfiarsi).
Per quanto riguarda la cottura, ripeto che questa dipende sempre dal proprio forno io cmq li ho cotti a 180° per 20 minuti ed il risultato è il seguente:



domenica 4 aprile 2010

Uova decorate n°2

Ecco le uova che oggi ho regalato alle mie nipotine. Essendo 3 future ballerine ho pensato ad una ormai vista e rivista hallo kitty, versione ballerina appunto, e per evitare litigi ho preferito farle uguali. Che ne dite?

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails