sabato 27 novembre 2010

TORTANO CON PASTA MADRE

Ingredienti
600 gr di farina
180 gr di pasta madre
150 gr di sugna
acqua q.b
100 gr di prosciutto crudo
100 gr di salame napoletano
100 gr di pancetta a dadini
100 gr di provolone piccante
100 gr di provola affumicata
sale e pepe
 Ho voluto ritentare il mitico casatiello utilizzando come agente lievitante la sola pasta madre.
Ho disposto la farina a fontana, l'ho salata ed al centro ho messo il lievito madre ed ho aggiunto un pò d'acqua tiepida ed ho iniziato a mescolare con le mani per scioglierlo; ho disposto al centro della fontana anche la sugna e fatto ciò ho iniziato ad inglobare man mano la farina sempre aggiungendo tanta acqua quanta me ne servisse per ottenere un impasto omogeneo.
A questo puntoho lasciato lievitare per qualche ora.
Ho poi ripreso l'impasto, l'ho steso, ho cosparso il mix di salumi e formaggi, il pepe, e dei tocchetti di sugna lungo tutta la superficie, ho poi arrotolato il tutto e disposto questo salsicciotto di impasto in una




 tortiera da 26 con il foro centrale precedentemente unta con la sugna.
L'ho fatto lievitare per tutta la notte e l'ho cotto a 180° per circa 45 minuti.

giovedì 25 novembre 2010

DELIZIE AL CAFFè: ESPERIMENTO N 2

Eccomi di nuovo alle prese con questi dolcetti, ormai è diventata una mania! Ho seguito gli stessi procedimenti usati per le delizie al limone, sostituendo i 100ml di succo di limone con 100 ml di caffè, e i 200 ml di limoncello con altrettanti di liquore al caffè.







venerdì 19 novembre 2010

PANE SENZA IMPASTO ALLE NOCI

Volevo solo mostrarvi con molto orgoglio, l'ultima mia creazione in fatto di pane: dopo la versione classica e quella alle olie, eccone altre 2: una classica ma ricoperta di semi do sesamo e di papavero, un altro quello a forma di pan bauletto, con le noci!!!BBBBUUUOOOOONNIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII L a ricetta è sempre la stessa che trovate qui






giovedì 18 novembre 2010

DELIZIE AL LIMONE: ESPERIMENTO N°1

CE L'HO FATTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!Non avete idea di quanto ho cercato ed inseguito questi stampi semisfera in silicone!!!
Esperimento n 1 perchè ho intenzione di cimentarmi con altri sapori e ingredienti che ho già in mente ma che vi svelerò di volta in volta.
Il procedimento è un pò lunghetto ma vi assicuro che ne vale totalmente la pena.
Ho iniziato facendo un PdS da 4 uova col cui impasto ho ottenuto 14 delizie.
Ho poi fatto la crema pasticciera con le mie solite dosi ma che vi consiglio di dimezzare perchè eccessiva e quindi 200 latte, 100 panna, 1 tuorlo, 80 gr zucchero, 20 gr fecola, vanillina. Ho poi lasciato insaporire mezzo lt di panna con le buccie di 3 limoni.
Ho preparato la bagna facendo bollire 100 gr di acqua, 100 di zucchero ed una volta freddo ho aggiunto 200ml di limoncello.
Ho poi preparato la crema al limone facendo bollire 100 ml di succo di limone, montato 3 tuorli con 100 gr di zucchero, versato sopra il succo bollente, rimesso sul fuoco e portato a 80 ° poi tolto dal fuoco, ho versato dentro la crema 100 gr di burro e fatto sciogliere. Una volta pronte tutte le creme e cotte le semisfere, ho unito la crema pasticciera con la crema al limone, ho montato la panna montata ed ho unito qualche cucchiaiata al composto ottenuto, riempito una sac à poche e farcito le delizie. Queste, una volta disposte su un piatto le ho bagnate con la bagna prima ottenuta. Infine, bisogna preparare la crema per ricoprire le delizie, che altro non è che la crema già utilizzata per la farcia, ma allungata con del latte per renderla più fluida.
Non so se le foto rendano realmente giustizia a queste bontà ma vi assicuro che una volta provate, non potrete più farne a meno!








mercoledì 17 novembre 2010

POMODORINI DI RISO

7-8  pomodorini
150 gr di riso
prezzemolo
basilico
olio evo
sale e pepe
Questa ricetta è di una semplicità unica e di altrettanta bontà.
Lavate i pomodorini, tagliatene la calotta e svuotateli conservando il liquido di vegetazione e la polpa. Salate i pomodorini all'interno econditeli con pepe ed olio. A parte fate cuocere il riso in abbondante acqua salata per metà del suo tempo di cottura; scolatelo e conditelo con la polpa e il liquido dei pomodorini ed aggiungete basilico e prezzemolo. Riempite con questo composto i pomodori, ricopriteli con le loro calotte, metteteli in una pirofila, irrorate con olio e fate cuocere a 180 ° per ca 25 minuti




domenica 14 novembre 2010

CAPRESE COCCO CIOCCOLATTOSA!

Questa è una rivisitazione della tradizionale caprese, una rivisitazione diciamo forzata, perchè mi era venuta una voglia improvvisa di mangiare questo dolce ma non avevo l'ingrediente base...le mandorle, perciò pensa che ti ripensa, mi è venuta l'idea di sostituirle con del cocco rapè perciò bando alle ciancie ed eccovi gli ingredienti:
175 gr di zucchero
175 gr di burro
5uova
175 gr di cioccolato fondente grattuggiato
30 gr di cioccolato in polvere
60 gr di fecola
175 gr di cocco rapè
1 cucchiaino di lievito
sale

Mescolare bene lo zucchero con il burro ammorbidito, aggiungere uno alla volta i tuorli ed amalgamare bene, aggiungere anche il pizzico di sale. Aggiungere il cioccolato grattuggiato, quello in polvere, il lievito, la fecola ed il cocco rapè. Aggiungere unfine gli albumi montati a neve ed infornare in una tortiera da 22 di diametro a 170° per 45-50 minuti. Il risultato vi assicuro è ottimo ugualmente.





giovedì 11 novembre 2010

PAPPARDELLE ALLA POLPA DI GRANCHIO

Questo piatto nasce interamente dalle mie mani in quanto anche la pasta è stata fatta da me.
Devo dire che ho fato spesso la pasta in casa, ma con l'uovo, stavolta invece, ho voluto cimentarmi con la pasta senza uovo e devo dire che il risultato è stato ottimo e che da oggi in poi farò sempre questa perchè a parità di gusto e sapore, preferisco questa per leggerezza.
Per l'impasto ho utilizzato 600 gr di farina di semola rimacinata, a cui ho aggiunto tanta acqua quanta ne servisse per ottenere un bel panetto sodo, sale ed un cucchiaio di olio. Ho poi fatto riposare per una mezz'oretta la pasta e l'ho poi stesa aiutando con l'impastatrice.
Per il sugo:
6 chele di ganchio
6 pomodorini ciliegini
aglio
olio
vino bianco
pepe e sale
1 confezione di panna
Dalle 6 chele ho estratto la polpa; in una padella ho messo a soffriggere l'aglio con olio, ho poi aggiunto la polpa, ho aggiunto sale e pepe e del vino bianco a sfumare, ho aggiunto la dadolata di pomodorini, fatto cuocere per qualche minuto e poi frullato il tutto.
La crema così ottenuta, l'ho poi nuovamente versata nella pentola ed ho aggiunto la panna poco prima che la pasta finisse di cuocere. Una volta scolata la pasta, l'ho versata in padella ed amalgamato il tutto.
molto gustosa



martedì 9 novembre 2010

PALLE DI RISO

Ebbene si!, nell'indecisione tra supplì, arancini e arancine, le ho chiamate col nome con cui sono megli conosciute dalle mie parti:Palle di riso!!!
Questa è un ottima ricetta di riciclo e vi dirò, un ottima scusa per far mangiare al vostro uomo anche quello che non gli piace! Come? Aprite bene le orecchie...o forse gli occhi!!! Comunque, ...io avevo del condimento avanzatomi della pasta di domenica, ovvero funghi e piselli fatti rispettivamente i piselli, mettendo a soffriggere cipolla con del prosciutto, poi appena questo si è fatto croccantino, aggiungo i piselli, salo, pepo e lascio insaporire; i funghi metto aglio,olio e peperoncino faccio soffriggere, aggingo i funghi, aggiusto di sale e prezzemolo ed una volta pronti li aggiungo ai piselli. Ognuno poi ha la sua ricetta per queste preparazioni base.
Per ottenere le mie palle di riso ho metto a bollire in acqua salata, 10 pugnetti di riso, e ho lasciato non dico che scuocesse perchè odio il riso stracotto, ma che cacciasse abbastanza amido da risultare compatto. Ho poi versato il riso, in un recipiente e l'ho bagnato con un bicchierino d'acqua nel quale avevo fatto sciogliere una bustina di zafferano; ho poi aggiunto un bel pò di parmigiano e lasciato a riposare. Nel frattempo, ho frullato il composto di funghi e piselli, ed ho aggiunto questa purea al riso; infine ho legato il tutto con un uovo e nuovamente aggiustato di sale e pepe. Aiutandomi poi con un recipiente pieno d'acqua, ho formato le mie palline al centro delle quali ho messo un dadino di vera mozzarella di bufala, precedentemente tagliata e messa a scolare in un passino con un peso sopra. Ho poi girato le palline nel pan grattato e cotto in FORNO a 180° fino a raggiungere una perfetta doratura!
Ah, dimenticavo....il segreto per far mangiare al mio uomo funghi e piselli che normalmente odia, è stato frullarli! Ero timorosa all'inizio pensando scoprissegli ingredienti segreti, invece...il risultato è stato ottimo, è letteralmente impazzito per questa ricetta chiedendomi di ripeterla al più presto. Con queste dosi ho ottenuto ca 15 pezzi una parte dei quali ho tranquillamente congelato.




venerdì 5 novembre 2010

BON BONS E TARTELLETTE DI CIOCCOLATO OVVERO SALAME DI CIOCCOLATO DESTRUTTURATO!

Quello che sto per proporvi altro non è che il salame di cioccolato destrutturato!
Non so a voi, ma questo dolce che a me piace tantissimo, spesso l'ho dovuto mettere da parte nel senso che per delle cene , ho preferito poi sempre altri dolci; non per una questione di bontà perchè ripeto che a me piace tantissimo, quanto per una questione di presentazione e rispetto di un certo bon ton a tavola. Mi spiego.
Il salame di cioccolato, che lo si lasci o meno avvolto nella carta stagnola, come molti fanno o nella pellicola trasparente, si presta poco ad essere presentato su una tavola formale, per la sua forma appunto a salame. Per una serata tra amici ovviamente va benissimo questa sua forma simpatica anche perchè, se ci si sporca o meno con il cioccolato, si è appunto tra amici. Ma in una cena formale, magari di lavoro, sporcarsi di cioccolato davanti tutti i commensali o servire nel piatto del tuo capo un salamino, non mi sembra una genialata!
Perciò non ho fatto altro che trovare una forma alternativae soprattutto molto più carina da presentare, del salame ovviamente poi ho dovuto modificarne il nome perchè di salame questi bon bons non hanno nulla!
La ricetta del mio salame è la seguente
A bagno maria sciolgo 200 gr di ciocco fondente; in un recipiente rompo 4oo gr di biscotti secchi; in un aterrina sbatto energicamente un uovo con 100 gr di zucchero, 70 gr di cacao e metto sul fuoco un bicchiere tra rum e marsala porto a ebollizione ed aggiungo l'uovo in modo da cuocerlo perchè odio l'utilizzo di uova crude. Infine verso tutto nel recipiente con i biscotti ed amalgamo ben bene. Una volta pronto riempio degli stampi mezzesfere in silicone per i bon bons e quelli per muffins per le mie tartellette che ne dite???







LinkWithin

Related Posts with Thumbnails