lunedì 8 febbraio 2010

Pasta Sfoglia

Premetto che, essendo la pasta sfoglia, una base che richiede moooolto lavoro ed olio di gomito, quando decido di prepararla ne faccio sempre una dose abbondante!!così che, tolto quello che mi serve al momento, la divido in panetti che poi congelo.Perciò non speventatevi nel leggere le dosi ovvero:
1kg di farina
1kg di burro
350ml di acqua molto fredda
sale
Detto questo, volevo aggiungere che pur non essendo la mia prima pasta sfoglia, avevo evitato fin ora di postarne la ricetta perchè non avevo foto di questa preparazione ed essendo un pochino elaborata mi sarebbe piaciuto spiegarvela con un accompagnamento visivo! Purtroppo oggi non è andata bene in questo senso perchè ho dimenticato la macchina fotografica sostituita da un cellulare perciò mi scuso per la qualità non eccezionale delle foto, che per questo motivo ho ridotto al minimo indispensabile promettendovi di postarne di migliori alla prossima sfogliata!
Per prima cosa si mescolano ca 750 gr di farina, sale e l'acqua molto fredda fino a formare un panetto sodo ed elastico sul quale incidiamo un taglio ad x e lasciamo riposare. Nel frattempo prepariamoci il burro (che avremo ammorbidito lasciandolo a temperatura ambiente), lo lavoriamo con la restante farina e gli daremo alla fine nuovamente una forma di panetto rettangolare. Riprendiamo l'impasto di farina ed acqua e lo stendiamo
 
cercando anche qui di dare una forma più o meno rettangolare perchè poi al centro di quest'impasto andremo a collocare il panetto di burro

A questo punto ripieghiamo la pasta verso il centro in modo da avvolgere il panetto

Ora possiamo iniziare ad andare di mattarello MA dobbiamo avere delle accortezze INDISPENSABILI per la buona riuscita della sfoglia.
Prima tra tutte:
LA PASTA SFOGLIA VA SEMPRE LAVORATA IN VERTICALE PROCEDENDO DAL BASSO , OVVERO IL PUNTO PIù VICINO A NOI, VERSO L'ALTO, OVVERO VERSO IL PUNTO PIù LONTANO E MAI PROCEDENDO A CASACCIO TRA DESTRA E SINISTRA, VERTICALE ED ORIZZONTALE!!
A questo punto pieghiamo la pasta sfoglia in 3 parti prendendo l'estremità a noi più lontana e portandola verso il centro, e procedendo con l'estremità a noi più vicina e portandola sempre verso il centro. In questo modo  abbiamo eseguito il 1° giro. Facciamo poi riposare il panetto così ottenuto, avvolto in carta stagnola in frigo dai 20 ai 30 minuti. Trascorso il tempo necessario riprendiamo l'impasto e prepariamoci al 2° giro. Qui entra in gioco un'altra regola fondamentale OGNI VOLTA CHE RIPRENDIAMO L'IMPASTO PER LAVORARLO E STENDERLO NUOVAMENTE DOBBIAMO PORRE SEMPRE IL PANETTO NELLA STESSA POSIZIONE OVVERO CON IL DORSO SEMPRE ALLA NOSTRA SINISTRA MENTRE IL LATO APERTO SEMPRE ALLA NOSTRA DESTRA.

Anche se non sono stata molto chara, spero che la foto possa essere di aiuto, poichè si nota che il dorso è a sinistra.Lavorandolo, l'impasto si svilupperà in lungo e piegandolo nuovamente in 3, dovete considerare che per averlo nella giusta posizione per la successiva lavorazione, dovrete girarlo di 90°.
Riponete di nuovo in frigo ed attendete sempre 20-30 minuti.
I giri totali devono essere 6, finiti i quali potrete poi tirare e lavorare la pasta sfoglia a piacimento. Unica accortezza, quando vi trovate ad avere vari pezzetti di sfoglia, per unirli non lavorateli come un comune impasto, dandogli la classica forma a palla e lavorandolo con le mani per poi stenderlo, ma sovrapponete i vari pezzetti e stendete col mattarello. In questo modo avrete sempre assicurata la giusta consistenza della sfoglia!
Spero di essere stata chiara!!!!

1 commento:

  1. Grazie per questa spiegazione! io non l'ho mai fatta, mi ha sempre messo un po' paura... ma ci dovrei provare! :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails